Nome dell'evento

Festa dei Gigli

Indirizzo del luogo

Piazza Duomo Nola (NA)

Latitudine, longitudine

40.9258774, 14.5285639

Data/Periodo

Si celebra la domenica successiva al 22 di giugno, giorno in cui si celebra la ricorrenza del ritorno di San Paolino di Nola dalla prigionia dei barbari.

Descrizione

La storia ci tramanda che il popolo nolano abbia accolto il suo Vescovo con dei fiori, dei gigli per l'esattezza, raccolti nelle campagne e che, alla testa dei gonfaloni delle antiche corporazioni di mestieri, lo abbia scortato dalle rive di Oplonti (l'attuale Torre Annunziata) fino alla sede Vescovile. In memoria di quell'avvenimento, i Nolani hanno tributato nei secoli la loro devozione a San Paolino, portando in processione ceri e fiori prima su strutture rudimentali, poi su costruzioni denominate cataletti e infine su torri piramidali che nel XIX secolo hanno assunto l'attuale altezza di 25 metri con base cubica di tre metri di lato, per un peso complessivo di oltre venticinque quintali. Tali costruzioni, denominate per l'appunto Gigli sono oggi complesse opere architettoniche realizzate dagli artigiani locali, ricoperte di tradizionali decorazioni in cartapesta, secondo temi religiosi, storici o d'attualità. Nel giorno della festa i Gigli vengono portati in processione al ritmo di canzoni e musiche composte ogni anno appositamente per la festa, oltre a rivisitazioni di brani appartenenti alla tradizione musicale napoletana ed italiana, eseguiti da bande posizionate sulla struttura stessa. Gruppi di oltre 100 uomini, che assumono il nome di paranza, sollevano a spalla i Gigli attraverso appositi supporti di legno denominati "varre" e "varrielli" fissati alla base. Con gli 8 Gigli (chiamati nell'ordine: Ortolano, Salumiere, Bettoliere, Panettiere, Beccaio, Calzolaio, Fabbro e Sarto, in ricordo delle antiche corporazioni dei mestieri), attraversa la città una struttura a forma di barca, che simboleggia il ritorno in patria del Santo. La manifestazione copre l'intero arco della giornata. Nel corso della mattinata i Gigli vengono trasportati nella piazza principale della città, dove avviene la solenne benedizione degli obelischi. Dal primo pomeriggio e fino a notte inoltrata le costruzioni percorrono le strade del centro storico della città, secondo un percorso rituale stabilizzatosi nel tempo, dove le paranze affrontano spettacolari prove di abilità e di forza.Festività ispirate a quella dei Gigli di Nola si svolgono in alcuni comuni della provincia di Napoli ed anche a New York, dove la festa è organizzata da italiani emigrati all'estero e dai loro discendenti.

Leggenda

Tradizionalmente la festa trae origine da un racconto che gli stessi Nolani si tramandavano e trascritto, in seguito, da Papa Gregorio Magno un secolo dopo l’accadimento dei fatti. Il racconto è, in breve, questo.
leggenda.jpgDopo la presa di Roma da parte dei Vandali, anche Nola fu saccheggiata e molti dei suoi abitanti furono deportati in Africa come prigionieri. Tra di loro vi era il giovane figlio di una vedova, la quale si rivolse al vescovo di Nola, Paolino, per avere il denaro per riscattarlo. Paolino, avendo già venduto tutto quello che aveva per riscattare altri prigionieri, offrì se stesso.
Si recarono, quindi, in Africa dove il genero del re dei Vandali, accettò lo scambio: prese Paolino come giardiniere e liberò il giovane. Un giorno, molto tempo dopo, Paolino predisse al re la sua imminente fine e gli rivelò la sua identità di vescovo. Fu così liberato insieme ai suoi concittadini e tutti fecero ritorno a Nola su navi cariche di frumento. "San Paolino ritorna dalla schiavitù" opera di "Vincenzo Severino" conservata nella cattedrale di Nola. Fu appunto questa liberazione che fece scattare l’entusiasmo dei Nolani che accolsero il loro Pastore in processione con dei gigli (fiori). Questa cerimonia divenne per i Nolani il modo per commemorare l’avvenimento e omaggiare il loro Santo vescovo. E questo anche dopo la morte del vescovo Paolino, avvenuta nel 22 giugno dell’anno 431 d.C. Tuttavia, studiosi moderni sono portati a considerare la “festa” come l’assorbimento da parte del “cristianesimo” di un rito pagano, secondo il quale grandi alberi sacrali, probabilmente simboli di fertilità, venivano portati in processione per buono auspicio nel periodo del solstizio d’estate.

L'assegnazione dei Gigli secondo la tradizione

Ogni anno, la domenica successiva al 22 giugno, allo scadere della mezzanotte, si chiude il vecchio ciclo festivo e se ne apre uno nuovo, in modo da assicurare continuità alla festa.
Già mesi prima i futuri maestri di festa o addirittura un’intera famiglia, decidono di “prendere il giglio”. Il più delle volte però, si associano parecchie persone costituendo un “comitato” e riducendo così le spese a loro carico. Per prima cosa s’informano e cercano di convincere un vecchio nolano a firmare per la categoria o corporazione corrispondente al giglio prescelto, sempre che questi possegga determinati requisiti: essere nativo di Nola, aver esercitato una delle “arti” o “mestieri” delle antiche corporazioni, non aver mai fatto il giglio oppure, se lo ha fatto ciò deve risalire a molti anni addietro, avere infine come titolo preferenziale gli anni di esercizio più avanzati possibili.
Pronti come sono i comitati si portano all’ora stabilita (ore 24) presso il Municipio della Città, dove attendono impazienti, in presenza di altri cittadini, l’accaparramento del giglio e dare in questo modo continuità alla festa aprendo un nuovo ciclo festivo. Nella Sala Comunale sono presenti il Sindaco, l’Assessore all’Annona e il comandante dei Vigili Urbani.
Effettuata l’assegnazione di tutti i gigli, i futuri maestri di festa, dopo aver dato le più ampie garanzie circa l’impegno di costruire il giglio, corrono nella piazza Duomo dando ordine a un fuochista di dar fuoco alla miccia, facendo scoppiare tre, quattro batterie. In ogni casa di Nola si attendono con ansia gli spari poiché questi sono il segno che così, un nuovo ciclo si è aperto e che la festa continuerà.
Nei giorni successivi i futuri maestri con il comitato al completo e accompagnati da una banda musicale sfilano per le vie della città ancora in festa, annunziando all’intera cittadinanza che essi sono i depositari del prossimo ciclo festivo.

Percorso

Nel pomeriggio con partenza da Piazza Duomo ha inizio la famosa “processione dei gigli”.
percorso.jpgL’ordine di sfilata (che si è tenuto fin dai tempi antichi) è il seguente: ortolano – salumiere – bettoliere – panettiere – barca – beccaio – calzolaio – fabbro – sarto.
Sfilano i gigli e si riaccende l’antagonismo tra le diverse paranze che si sono risparmiate per la grande sfida del pomeriggio. La processione è ritenuta dai paranzari, ed in particolar modo dal popolo di Nola, la parte più importante della festa, durante la quale i capi paranza si prodigano e cercano con le loro tattiche di far superare i momenti di crisi che immancabilmente attanagliano le paranze. Inoltre fanno attenzione alle difficoltà che si presentano lungo il percorso come ad esempio: dislivelli, pendenze, curve e altro.
Il percorso storico (rappresentato nella cartina sottostante) si snoda così: partenza da Piazza Duomo, via San Felice (1° tratto e 2° tratto), via Cocozza, Piazza P. Maggio, via A. Leone, via Merliano (fuori le carceri), via Merliano (2° tratto), Piazza Calabrese, via Tanzillo, via San Felice (2° tratto), via San Paolino, Piazza M. C. Marcello, via De Notaris, corso Tommaso Vitale fino ad arrivare di nuovo in Piazza Duomo.





Foto

bustospaolino.jpg
02-sanpaolino.jpg
4facce92.gif
01-festa.jpg

Video

http://www.youtube.com/watch?v=YwOGbiJSeWk&feature=fvw

Siti consigliati

http://www.igigli.org